giovedì 18 dicembre 2014

Per sei modelle napoletane inizia il sogno Miss Mondo



La prima sfida l’hanno superata. Per sei delle numerose candidate che si sono contese la fascia si è spianata la strada della selezione regionale di Miss Mondo
Sarà una di loro la reginetta globale ad essere incoronata durante l’attesa finalissima del prossimo anno? È ancora presto per dirlo ma di certo le girls locali costituiscono già un’appuntita freccia nell’arco dell’Italia che da parecchi anni non sale sul podio destinato alle bellezze mondiali.  Tanya La Gatta, Maria Moretti, Elison Greco, Rita Buonocunto, Fulvia Pedrelli e Martina d’Angelo sono prescelte di una giuria di esperti ed addetti ai lavori che domenica scorsa ha decretato le vincitrici della selezione provinciale di Miss Mondo, organizzata nella suggestiva location del Bloomà di Piazzolla, popolosa frazione di Nola. Sono arrivate da Napoli e da tutto l’hinterland nolano – vesuviano: le quindici concorrenti hanno fatto da testimonials ad un progetto che va oltre la promozione della bellezza esteriore.  Quello della Dream art event è, infatti, molto di più di un evento che ha portato in passerella belle donne e sfilate di moda. Un progetto che vuole valorizzare un’identità territoriale. Lo spiega bene Rosy Speranza, anima dell’associazione: «Vogliamo concorrere a tenere sempre alto il made in Sud, nel cui dna ci sono la bellezza, la creatività, la fantasia e la capacità di portare avanti progetti innovativi e di successo». Sarà per questo che sotto i riflettori sono finite sì le belle gambe ma anche i talenti artistici ed imprenditoriali. Simbolo, insomma, della specificità femminile del meridione.  È il caso degli stilisti Teresa Magliulo ed Antonio Basile che hanno incantato il pubblico presente con delle creazioni eleganti ed originali. Tocchi di classe anche da Giacomo Alberto, che con un gruppo di esperte truccatrici selezionate dalla sua scuola ha presentato una nuova e raffinata linea di maquillage. E che dire dei fiori. Più che cornice vere e proprie sculture profumate, emblema di un progetto, quello di «Fiori in», che punta alla realizzazione di un servizio di «wedding planner to Italy» con l’ambizioso obiettivo di favorire matrimoni stranieri in terra italiana. Anche in questo caso un progetto di promozione territoriale e sociale.  Proposte e talenti emergenti come quello di Rocco Speranza, il tenore che in Australia ha vinto una borsa di studio dell’Opera house e che ha fatto di tutto per non mancare all’appuntamento di domenica nonostante le difficoltà incontrate durante il viaggio. Un viaggio veramente tormentato da vari intoppi: lungo il tragitto Venezia – Napoli la sua auto ha bucato due ruote ed ha dovuto attendere 4 ore prima che arrivassero i soccorsi.  Serata divertente ma anche ricca di opportunità come quelle offerte dalla scuola cinematografica «La Ribalta» che offrirà una borsa di studio ad una delle sei ragazze che hanno superato la selezione e che sono state immortalate dagli scatti d’autore del fotografo di moda Gianluca Belaeff, altro artista made in sud. E rigorosamente campana anche l’agenzia di modelle di Roberta D’Agostino che promuove solo mannequines napoletane.

Post più popolari