venerdì 20 giugno 2014

Happiness, la Romagna sbarca a Firenze



Una discoteca con tanto di palla stroboscopica, orchestra e ballerini. Accanto abiti colorati, t-shirt irriverenti, il profumo di ragù e di piadina romagnola. Un angolo di Romagna è approdato alla 86esima edizione di Pitti Uomo, a Firenze, con Happiness, brand giovane ed originale, che anche in questa edizione estiva stupisce con una kermesse divertente ed intensa, tanto da coinvolgere addetti ai lavori, buyer e semplici curiosi ed appassionati di moda con un mega evento che ha toccato tutte le giornate della manifestazione fiorentina dedicata allo sportswear (dal 17 al 21 giugno) con un ricco alternarsi di personaggi legati a questa regione. Il nome del format? Rimini Rimini Rimini, come la canzone, ma anche come il celebre film di Sergio Corbucci del 1987, con Paolo Villaggio e Laura Antonelli. Un omaggio appassionato ed ironico ad una terra calda, solare, meta ideale per vacanze all’insegna del divertimento
Il tuffo in terra romagnola è immediato. Come si entra nello stand è impossibile resistere e non intonare Romagna Mia – che quest’anno compie 50 anni - se a cantarla è l’Orchestra Spettacolo Casadei e, a rotazione, sul palco, nelle varie giornate, hanno ballato, insieme al patron, Yuri Scarpellini, Pamela Prati sensuale maestra di ballo con abito da sirena se xy, Valeria Marini, i ballerini di Ballando con le Stelle, i Minimondo, personaggi strampalati della trasmissione ‘Avanti un Altro’ di Paolo Bonolis e Lorella Cuccarini, che ha raccontato la sua esperienza straordinaria con la Onlus da lei fondata ‘Trenta Ore per la Vita’, a sostegno dei bambini. Grande protagonista anche un’attrice italiana che nel film Rimini Rimini Rimini c’era sul serio, Serena Grandi, che nello stand si occupava della parte enogastronomica a nome della sua ‘Locanda Miranda’. Total look Happiness con maxi t-shirt nera e paillettata con scritto La Grande Bellezza (lei è stata una delle interpreti più discusse del film Premio Oscar) e pantalone leopardato, in fatto di moda la pensa così. “Ora mi vesto casual, più sportiva, ma sempre con un pizzico di sensualità. Non capisco molto di moda, ma posso dire che da un po’ di tempo a questa parte cerco di indossare cose che rappresentino come mi sento. Ecco, ora mi sento decisamente Happiness”.

Post più popolari